Contact Us

Use the form on the right to contact us.

You can edit the text in this area, and change where the contact form on the right submits to, by entering edit mode using the modes on the bottom right. 

           

123 Street Avenue, City Town, 99999

(123) 555-6789

email@address.com

 

You can set your address, phone number, email and site description in the settings tab.
Link to read me page with more information.

News

Menswear economical information by Italian Fashion Organization

carlotta pellizzari

Camera Nazionale della Moda Italiana annuncia i dati relativi all’andamento del mercato della moda maschile relativi al primo trimestre 2017. Il menswear ha registrato una crescita superiore alla media del settore, tra il 4% e il 5%, sostenuta dalla ripresa delle esportazioni (superiore al 5%).L’andamento del mercato interno ha registrato una crescita intorno al +1% e, per quanto riguarda i mercati esteri, l’export italiano verso i Paesi UE ha avuto un andamento del +7%.Tra i grandi Paesi europei, i più importanti per la moda italiana sono la Germania (+13%) il Regno Unito (+22%) - malgrado la fase di contenimento dei consumi registrata nelle ultime settimane- il Belgio (+11%) e la Spagna (+9%). L’export verso la Francia invece, seppur meno consistente rispetto agli altri Paesi, ha registrato una crescita del +3,5%.Le esportazioni verso i mercati extra-Unione Europea – con una crescita registrata del +2% - hanno avuto un andamento differenziato: molto bene verso l’Asia (+11%) con un aumento molto consistente verso la Corea del Sud (+28%) e Hong Kong (+20%), mentre più contenuta è stato l’incremento verso il Giappone (+3,5%) e la Cina (+2,3%). Un buon risultato si è registrato anche verso la Russia (+21%). Solo moderata è invece stata la crescita verso gli USA (1,6%) ed è in leggero calo l’export verso gli Emirati.Camera Nazionale della Moda Italiana annuncia i dati relativi all’andamento del mercato della moda maschile relativi al primo trimestre 2017. Il menswear ha registrato una crescita superiore alla media del settore, tra il 4% e il 5%, sostenuta dalla ripresa delle esportazioni (superiore al 5%).L’andamento del mercato interno ha registrato una crescita intorno al +1% e, per quanto riguarda i mercati esteri, l’export italiano verso i Paesi UE ha avuto un andamento del +7%.Tra i grandi Paesi europei, i più importanti per la moda italiana sono la Germania (+13%) il Regno Unito (+22%) - malgrado la fase di contenimento dei consumi registrata nelle ultime settimane- il Belgio (+11%) e la Spagna (+9%). L’export verso la Francia invece, seppur meno consistente rispetto agli altri Paesi, ha registrato una crescita del +3,5%.Le esportazioni verso i mercati extra-Unione Europea – con una crescita registrata del +2% - hanno avuto un andamento differenziato: molto bene verso l’Asia (+11%) con un aumento molto consistente verso la Corea del Sud (+28%) e Hong Kong (+20%), mentre più contenuta è stato l’incremento verso il Giappone (+3,5%) e la Cina (+2,3%). Un buon risultato si è registrato anche verso la Russia (+21%). Solo moderata è invece stata la crescita verso gli USA (1,6%) ed è in leggero calo l’export verso gli Emirati.

The Italian National Fashion House announces data on the trend of the men's fashion market for the first quarter of 2017. Menswear has grown above the industry average, between 4% and 5%, supported by a recovery in exports ( Higher than 5%).
Internal market performance recorded a growth of + 1% and, with regard to foreign markets, Italian exports to EU countries had a trend of + 7%.
Among the major European countries, the most important for Italian fashion are Germany (+ 13%) in the United Kingdom (+ 22%) - in spite of the slowdown in consumer spending in recent weeks - Belgium (+ 11%) and Spain (+ 9%). Exports to France, though less consistent than other countries, recorded a growth of + 3.5%.
Exports to non-European markets - with a record increase of + 2% - had a different trend: very good for Asia (+ 11%) with a very substantial increase to South Korea (+ 28% ) And Hong Kong (+ 20%), while the increase in Japan (+ 3.5%) and China (+ 2.3%) was more limited. A good result was also registered in Russia (+ 21%).
Only moderate growth was on the US (1.6%) and exports to the Emirates fell slightly.